Corsi Internazionali sul Vino: quale scegliere

Corsi Internazionali sul Vino: quale scegliere

Corsi di degustazione, corsi per sommelier, corsi WSET, corsi nazionali e internazionali: quanti sono e cosa significa diventare esperti di vino?

Si fa presto a dire “sono un esperto di vino” soprattutto oggi grazie alla ricca offerta di corsi di degustazione. Essere sommelier però è una cosa diversa: vuol dire aver affrontato tutti e tre i livelli previsti dal percorso e aver superato l’esame finale. I corsi di degustazione, infatti, sono dedicati agli amatori e rilasciano un attestato di partecipazione, mentre chi supera l’esame di sommelier approccia al mondo del vino in maniera professionale. Se è vero che non esiste un albo professionale, il titolo rilasciato dalle associazioni come Degustibuss è pienamente valido per lavorare nel settore della ristorazione e non solo.

Originariamente il sommelier era colui che assaggiava il vino con il suo tastevin per constatare che non ci fossero difetti, lo illustrava brevemente e lo serviva ai commensali. Questa funzione la svolge ancora oggi il sommelier che lavora nel settore horeca, anche se le sue manzioni si sono ampliate e arricchite. Il sommelier oggi si occupa della gestione della cantina, della stesura della carta dei vini e del suo aggiornamento, si occupa degli e-commerce, stila schede tecniche, si occupa della comunicazione e della formazione.

Il limite dei titoli rilasciati dalle associazioni italiane è quello di essere riconosciuti soltanto in Italia: varcati i confini nazionali vengono richiesti altri titoli e qualifiche. Per completare una formazione di stampo italiano e affacciarsi al mondo del vino a 360 gradi c’è bisogno di un corso internazionale sul vino che sia riconosciuto in tutto il mondo:

  • Wine and Spirit Education Trust (WSET)
  • International Sommelier Guild (ISG)
  • Court of Masters Sommeliers (CMS)
  • Institute of Masters of Wine (IMW)

Degustibuss è l’unica accademia del vino in Italia che rilascia sia il titolo di sommelier italiano che quello del WSET di cui è provider, per completare la formazione sul vino a tutto tondo. Cerchiamo di capire più a fondo cosa vuol dire avere una formazione internazionale.

corsi wset milano

Corsi Wine and Spirit Education Trust (WSET)

WSET è stata creata come fondazione di beneficenza nel 1969 per soddisfare le crescenti esigenze educative dell’industria del vino e dei liquori del Regno Unito che, all’epoca, si occupava principalmente dell’importazione, distribuzione e vendita al dettaglio di vino. Dalla crescente richiesta oltre il Regno Unito e con l’aumentare del riconoscimento delle qualifiche WSET, nel 1977 WSET ha ampliato l’accesso alle qualifiche all’estero, avviando i suoi corsi prima in Irlanda, poi con l’International Wine Education Guild (IWEG) in Ontario, Canada, che è diventato il primo fornitore nordamericano di qualifiche WSET. Alla fine degli anni ’90 le qualifiche WSET erano disponibili nel Regno Unito, in Europa, negli Stati Uniti, nel Medio Oriente e in Asia. Nel 2007 gli studenti internazionali che hanno sostenuto gli esami WSET hanno superato per la prima volta gli studenti del Regno Unito.

Oggi le qualifiche WSET sono disponibili in tutti i continenti, in oltre 70 paesi e in 15 lingue diverse, attraverso una rete di oltre 900 fornitori di corsi. Gli studenti al di fuori del Regno Unito rappresentano ormai oltre il 75% dei candidati WSET ogni anno. WSET fornisce l’istruzione e le qualifiche migliori della categoria per ispirare e responsabilizzare i professionisti e gli appassionati di vino e liquori del mondo. Le qualifiche WSET sono riconosciute a livello mondiale come lo standard internazionale nella conoscenza del vino e degli alcolici. Sono pensati per coloro che hanno appena iniziato la loro carriera, così come per i professionisti affermati.

In totale i livelli sono quattro, ma solo dal primo al terzo possono essere seguiti in Italia da Provider ufficiali, come Degustibuss, mentre il Diploma può essere conseguito esclusivamente a Londra:

  • WSET Level 1. Ideato per principianti e per tutti coloro che cercano di entrare nel mondo del vino. Un seminario di un giorno che insegna il servizio enologico di base e una guida per degustare il vino, completato da un test a scelta multipla a 30 domande.
  • WSET Level 2. Questo corso ha una durata di tre giorni. Lo scopo è quello di aumentare la capacità di discutere e scrivere sulla teoria del vino, e applicarla nelle vendite, nel servizio e nella conservazione del vino. Un esame a scelta multipla di 50 domande conclude questo percorso.
  • WSET Level 3. È raccomandato per gli addetti ai lavori e per coloro che dimostrano di essere in possesso di Level 2 o analoga qualifica. Questo corso dura 5 giorni – in lingua Inglese – a cui devono essere aggiunte le ore di studio a casa prima di iniziare il corso. L’obiettivo principale è la tecnica di degustazione e l’apprendimento della produzione e della distribuzione di vino. L’esame consiste in un test a scelta multipla con 50 domande, domande aperte e note di degustazione scritte su due vini alla cieca.
  • WSET Level 4. ottenere il diploma WSET è un grande traguardo. Ad oggi sono circa 10.000 persone in tutto il mondo a detenerlo. È un percorso di circa due anni, suddiviso in Units.

International Sommelier Guild (ISG)

Fondato nel 1982, l’ISG affonda le sue radici in Nord America fino a diventare un fornitore globale di formazione e certificazione per sommelier. Le sue sedi si trovano negli Stati Uniti, Canada, Sud America, Asia, Europa e anche Africa. L’insegnamento nelle lingue locali consente all’ISG di facilitare l’apprendimento nella propria lingua.

Tra gli istruttori ci sono produttori di vino, chef, proprietari di ristoranti, consulenti dell’ospitalità, direttori del vino, importatori, distributori e rivenditori, perché l’obiettivo è quello di affrontare gli studi sul vino da una prospettiva globale, ma anche formare gli studenti in tecniche di servizio e gestione applicabili al settore dell’ospitalità globale. L’ISG riconosce che il contatto diretto con istruttori che sono professionisti locali è il modo migliore per gli studenti di costruire una carriera nel settore. I livelli sono 5:

  1. Intermediate Wine Certificate (IWC), per Imparare la corretta terminologia del vino, comprendere le informazioni in etichetta, le denominazione, le tecniche di servizio così come le teorie di a abbinamento gastronomico.
  2. Advanced Wine Certificate (AWC), questo corso prepara per iniziare a lavorare come professionista nel settore e nell’industria del vino, sviluppando ulteriormente le capacità di degustazione alla cieca, le capacità di servizio, le tecniche di abbinamento cibo-vino e le corrette pratiche di conservazione e gestione del vino.
  3. Sommelier Diploma Program (SDP), questa certificazione di ospitalità altamente professionale è progettata per i futuri professionisti del settore che richiedono di raggiungere il massimo degli argomenti ampi e delicati richiesti per lavorare ai più alti livelli del settore ristorativo.
  4. ISGM Sommelier (ISGM Sommelier), il programma fornisce il massimo degli strumenti professionali e delle competenze professionali al fine di salire nel settore e diventare un leader.
  5. ISGM Sommelier Degree (ISGM Sommelier Degree) lo step finale considerato come una laurea.
corsi wset

Court of Masters Sommeliers (CMS)

La Court of Master Sommeliers è stata istituita per incoraggiare i migliori standard di conoscenza e servizio delle bevande in hotel e ristoranti. Il primo esame di Master Sommelier di successo si è tenuto nel Regno Unito nel 1969. Nell’aprile 1977, la Court of Master Sommeliers è stata istituita come principale organo d’esame internazionale. Sebbene i suoi membri in tutto il mondo provengano da background ed esperienze diverse, condividono una comprovata padronanza dell’arte, della scienza e della storia che informa il lavoro di un sommelier. Questa qualifica è ideata e dedicata a chi vuole lavorare nel settore ristorativo o nella vendita del vino. I livelli previsti sono:

  1. Introductory. L’esame introduttivo è un test a risposta multipla in cui lo studio prevede la lettura di alcuni libri di base, come Sotheby’s Wine Encyclopedia. Lo studio si basa sull’analisi dei vitigni dal mondo, conoscendo e avendo familiarità con la descrizione analitico descrittiva di un vino. Man mano che si procede attraverso i livelli, tuttavia, vi è una crescente attenzione anche al servizio del vino.
  2. Certified. Il test è a risposta multipla e a risposta aperta, con una degustazione alla cieca di 2 vini e un servizio adeguato.
  3. Advanced e Master. I 2 esami avanzati consistono in: un esame di teoria a più sezioni; esame di servizio con adeguato servizio, decantazione e abbinamenti cibo-vino; e valutazione di un flight di 6 vini alla cieca. Essere un Master Sommelier significa anche essere un consumato professionista delle bevande, quindi dovrete conoscere gli Spirits, il tè, il caffè, il sake e la birra.

Institute of Masters of Wine (IMW)

Il Master of Wine (MW) è il titolo più importante a livello internazionale nel settore del vino. Si occupa esclusivamente di vino, ma da ogni punto di vista. L’accesso è esclusivo e prevede il superamento di una prova e una lettera di referenza di un Master of Wine. Statisticamente è stimato che solo il 50% di chi fa domanda viene ammesso e solo il 10% porta a termine gli studi. Oggi ci sono 409 MW con sede in 30 paesi, ognuno dei quali dà il proprio contributo al mondo del vino. Diventare un MW significa entrare in una community del vino davvero unica ed elitaria. Attualmente non c’è ancora un MW italiano al mondo.

Il percorso di studi è autonomo con sporadici incontri per viaggi di gruppo. Ci sono 3 step definite “Stage” e ognuna è propedeutica all’altra:

  1. Stage 1 Questa è la fase di fondazione. Per la maggior parte degli studenti, sarà la prima seria interazione con l’IMW. È anche un’opportunità per incontrare MW e colleghi studenti in contesti professionali e sociali. La prima fase prevede un seminario residenziale di cinque giorni e quattro giorni di corso non residenziali. Fino a sei lavori dovrebbero essere presentati per la valutazione durante l’anno. Il culmine di questa fase è la valutazione della fase uno (S1A), che si svolge all’inizio di giugno a Londra, San Francisco o Adelaide. Comprende un paper di degustazione alla cieca di 12 vini e due saggi di teoria. La progressione alla seconda fase del programma di studio dipende dal successo nell’S1A.
  2. Stage 2 La seconda fase è un momento cruciale. Comprende un seminario residenziale di cinque giorni e quattro giorni di corso non residenziali. È necessario presentare almeno sei lavori per la valutazione durante l’anno. Alla fine della seconda fase, si sostengono le prime due parti dell’esame MW. La parte pratica comprende tre degustazioni alla cieca di 12 vini in cui i vini devono essere valutati per varietà, origine, attrattiva commerciale, vinificazione, qualità e stile. La parte teorica comprende cinque articoli sulla viticoltura, la vinificazione e le procedure di preimbottigliamento, la gestione del vino, l’attività del vino e le questioni contemporanee. Gli esami si svolgono all’inizio di giugno e il passaggio alla terza fase dipende dal superamento di entrambe le parti.
  3. Stage 3 La terza fase è dedicata al paper di ricerca (RP). Questa è la parte finale dell’esame MW, che comprende un lavoro individuale di lunghezza compresa tra 6.000 e 10.000 parole. I candidati possono proporre argomenti legati al vino provenienti da qualsiasi area delle scienze, arti, scienze umane, scienze sociali o qualsiasi altra disciplina. Si ha la libertà di determinare come esplorare un argomento, a condizione che ti consenta di eseguire un’interpretazione rigorosa dell’argomento e contribuisca alla nostra comprensione del mondo del vino. L’IMW fornisce seminari preparatori sul RP durante il programma di studio.

Solo alla fine di questo lungo percorso i pochi eletti avranno il privilegio di essere chiamati Master of Wine.

Stefania Zona

Relatore per Degustibuss regione Campania, in possesso del secondo livello WSET, Sommelier AIS. Laureata in Culture digitali e della Comunicazione nell’Università Federico II di Napoli, ha fatto della sua passione un lavoro unendo gli studi all’amore per la sua terra e per il vino. Si occupa di comunicazione digitale nel settore enogastronomico. Ha collaborato con diverse associazioni, cantine e locali sul territorio per la realizzazione di eventi e degustazioni con l’obiettivo di promuovere i vitigni e i vini campani.

Corsi Internazionali sul Vino: quale scegliere ultima modifica: 2021-01-06T10:00:10+01:00 da degustibuss