Cocktail a basso contenuto alcolico

Cocktail a basso contenuto alcolico

Low ABV: a rising tide

I baristi non stanno evitando i classici cocktail più alcolici (i Negroni, i Manhattan e i Sazerac che abbiamo imparato ad amare per la loro complessità e raffinatezza) ma stanno aggiungendo ai loro menù cocktail a basso contenuto alcolico, più leggeri e meno alcolici che si concentrano sui sapori che sono dati da vermouth e aperitivi.

Per quanto a volte ci sentiamo come James Bond e desideriamo che il nostro drink prima di cena sia “grande, molto forte e molto freddo e molto ben fatto”, ci sono anche molte volte in cui vorremmo berne tre invece di uno e non sentirci troppo ubriachi.

Questo è esattamente dove entrano in scena i cocktail a low ABV.

Cosa sono i cocktail a basso contenuto alcolico

Low ABV significa basso contenuto di alcol in volume e significa precisamente: queste bevande hanno meno alcol per volume unitario rispetto alle bevande ad alto ABV. Gli alcolici come gin, tequila e whisky sono spesso tra il 40 e il 50% di volume alcolico, mentre il vino è di solito tra l’8 e il 12%.

Quindi, c’è uno spettro di spiriti che si aggirano nell’intervallo dal 15 al 35%. Ciò include il vermut e altri vini fortificati come lo sherry e il porto, vini aromatizzati con erbe aromatiche e agrodolci come Quinquinas, Barolo Chinato e Pineau des Charentes. Include anche aperitivi come Aperol, Campari e, così come la maggior parte degli amari (liquori agrodolci) e altri liquori come arancia, maraschino, e gli amari.

Le definizioni di ciò che costituisce un cocktail low ABV contro alto sostanzialmente non sono affatto definite. Ma, una bevanda che viene prodotta principalmente con gli spiriti che si trovano all’estremità inferiore dello spettro alcolico, come il vermouth e gli aperitivi, viene considerata a bassa gradazione alcolica

Non esiste nemmeno un termine standardizzato per cocktail a basso contenuto ABV e possono anche essere indicati come cocktail aperitivo o cocktail all-day.

cocktail a basso contenuto alcolico

Cocktail a basso contenuto alcolico: alcuni esempi

Spritz

  • L’idea alla base di questi drink è che si può ottenere sapori ottimi senza tutto l’alcool di un old fashioned. Ci sono già così tante sfumature solo nel vermouth, ma se mescoliamo un po’ di vermouth (diciamo Cocchi Torino) con un po’ di Aperol e soda e qualche goccia di bitter otteniamo qualcosa di molto speciale.
  • Tutti i tipi di semplici spritz – dall’amato Aperol Spritz, a Cocchi Americano con una spruzzata di soda e un tocco di arancia, ad Aperol o Campari e tonic, all’Americano (vermouth, Campari e soda) sono tutti low ABV cocktail facilmente accessibili. Sfruttano la complessità che già esiste in ingredienti come il vermouth, gli aperitivi e i liquori come gli amari, e poi aprono quei sapori con una spruzzata di soda o vino spumante.

Cocktail Con Champagne

  • Semplicemente il classico Champagne più zucchero e amari, lo champagne cocktail; o un kir royale, che è Champagne con un cucchiaio di liquore al ribes nero; o lo Champagne arricchito con una spruzzata di St. Germaine – potrebbero essere considerati cocktail a basso contenuto di ABV.

Cocktail Sherry

  • Per quanto riguarda il crescente numero di cocktail a base sherry che compaiono nei menù dei bar, lo sherry offre un gusto e un’acidità che fanno miracoli con gli spirits o da soli. È un’ottima base, fa si che la bevanda possa esaltare il sapore dello sherry mentre contiene una piccola parte di spirito per fornire un sapore extra e il corpo del drink (pensiamo, ad esempio, 3 parti di sherry e 1 parte di acquavite).
  • Ancora una volta possiamo costruire una bevanda con i mixer (pensa all’acqua tonica o al ginger beer) e agli amari. La decorazione di queste bevande, una scorza di agrumi o un’erba appena schiacciata come il rosmarino riunirà i sapori del cocktail.

Un caso particolare è il Rotonda, dove Diego Ferrari ha fatto il Bar Manager per 5 anni. A causa delle complicate norme italiane, lo storico edificio in cui si trova il bar è limitato a servire bevande e cocktail da spirits con meno del 21% ABV. Diego ha preso questo limite come un’opportunità, cominciando a ricercare con passione liquori e bitter a bassa gradazione alcolica per inventare cocktail innovativi da offrire ai suoi ospiti, arrivando a realizzare qualcosa di unico. Diego ha anche scritto il libro Cocktail low alcohol. Nuove frontiere della miscelazione. Un esempio di un drink di Diego è 1848, a un twist Low ABV sul French 75 con 15 ml limone, 35 ml St-Germain, 20 ml Spitz, e un top di prosecco.

Anche se è difficile individuare quando e dove è iniziata la rivoluzione low ABV, è chiaro che il barista moderno, oggi, dovrebbe spostare l’attenzione dall’ultimo twist di Old Fashioned ai cocktail più leggeri. Questa transizione è necessaria non solo per i nostri poveri fegati, ma per la progressione della mixologia nel suo complesso.

Milo Occhipinti

Milo Occhipinti, classe 1986, opera nel settore di ospitalità e ristorazione da tredici anni, iniziando a Verona, poi gestendo la più antica torrefazione artigianale di Venezia ed entrando in A.I.B.E.S.
Successivamente si sposta a Londra dove gestisce progetti importanti come Nt’s, curandone start-up e raggiungimento obiettivi di vendita giá nei primi mesi. Torna in Italia a Milano, dove lavora per grandi nomi come MaG / 1930 e partecipa a competizioni di miscelazione come Nikka Omakase e Disaronno Mixing Star.
Attualmente, oltre a ricoprire ruoli di management per bar e locali, è Relatore per i corsi Barman di Degustibuss International.

Leggi gli altri articoli di Milo Occhipinti >

Cocktail a basso contenuto alcolico ultima modifica: 2019-11-02T10:14:31+00:00 da degustibuss