Guida definitiva al Negroni e le sue varianti

Guida definitiva al Negroni e le sue varianti

Storia del Negroni

In questa epoca di bevute in stile Mad Men, Manhattan e Martini ricevono un rispetto meritato al bar. Ma ci è voluto un pò di negroni dai colori vermiglio, un intruglio italiano fortemente amaro, a lungo amato dai baristi e dagli affezionati conoscitori, e un pò più di tempo per colpire il mainstream. Eventi come la Negroni Week hanno sicuramente contribuito a diffondere il vangelo della bevanda unendo tutti i bar e ristoranti in tutto il mondo per mostrare le ricette del Negroni in nome della beneficenza. Ma la venerazione delle parti uguali del cocktail di Vermouth Gin e Campari va molto più in là di qualsiasi promozione o moda.

ricetta-negroni

Negroni: il drink intramontabile

È l’esecuzione più semplice, ma più perfetta dell’equilibrio: spirito più amaro più dolce. Inoltre è sofisticato, classico ed elegante; ha storia alle spalle e diciamocela tutta, a volte usciamo di casa solo perché abbiamo una dannata sete di Negroni!
A differenza di altri cocktail di origini incerte, come il Margarida, il passato insondabile del Negroni è, per la maggior parte, vero. Nel 1919, così dice la storia, un bon vivant italiano di nome Conte Camillo Negroni, che trascorreva le sue faticose giornate spassandosela come un vero Lord, si fermò nel suo bar preferito a Firenze per un drink. Ma il suo solito Americano, Campari, vermouth dolce, acqua gassata, non era abbastanza forte per il nobile questa volta. Quando chiese invece che la soda venisse sostituita con un dram di gin, nacque il classico Negroni.
I puristi adorano il Negroni per la sua tripletta di ingredienti tradizionali, nessun’altra combinazione sarà uguale. Eppure un drink così intramontabile e senza pretese chiede di essere manipolato dai baristi creativi di oggi. La quantità di variazioni di Negroni che troviamo nei diversi bar è sbalorditiva.
Ci sono una serie di ragioni per cui il Negroni risulta troppo irresistibile perché un barista creativo si attenga solo alla versione collaudata. Secondo il guru delle bevande David Wondrich, la sua formula semplice lo rende particolarmente malleabile: “Ciascuno dei suoi ingredienti è in una categoria ricca di alternative: molti amari, molti vermouth e vini fortificati, e un sacco di gin e altri liquori bianchi molto saporiti — Ed è estremamente facile da realizzare”.
Le ricette potrebbero essere infinite, ma Wondrich sottolinea rapidamente che “nessuno di loro è migliore di un semplice vecchio Negroni originale”.

Non tutti i baristi sono d’accordo. Il precursore di queste modifiche avventurose era il Negroni Sbagliato, in cui il Prosecco sostituisce il gin e trasforma l’amaro cocktail in una bevanda appropriata sia per aperitivo che per il brunch. Da allora, abbiamo visto innumerevoli Negroni: quelli con maggior quantità di gin, quelli con gin più morbidi che evitano le note inebrianti del ginepro e quelli che favoriscono il sapore di nocciola del Genever.
Addirittura a volte il drink non è nemmeno fatto con il gin. Consideriamo il Boulevardier, essenzialmente un Negroni con bourbon o rye whisky.

Tequila e rum sono anche popolari e deliziosi sostituti
Potrebbe sembrare blasfemo, ma alcuni evitano Campari per antonomasia, irrinunciabile, in nome dell’Aperol più leggero, più facile da bere, o del Gran Classico più pieno e viscoso.
Un vermouth accentuerà note vegetali dove un altro metterà i riflettori sulle spezie, creando una miriade di alternative alla controversa formula Carpano Antica che molti amano e altri ritengono disastrosamente schiacciante per questo particolare cocktail.
Nonostante il grido dei classicisti, il Negroni ha ceduto alla sua giusta dose di campane e fischi che vanno ben oltre la miscelazione e l’assemblamento di spiriti e amari. Jeffrey Morgenthaler, di Clyde Common a Portland, ha inaugurato la tendenza del cocktail invecchiato in botte quando ha messo grandi quantità di cocktail in botti di whisky usate dalla Tuthilltown Distillery. Esistono versioni imbottigliate con bolle, come Naren Young creato per Saxon + Parole a New York. E a Pint + Jigger, Newman produce un Negroni sous-vide, che combina Gin con Campari, Vermouth dolce Noilly Prat e chip carbonizzati in un circolatore a immersione di 120 gradi per due giorni prima di filtrare e imbottigliare il liquido.

bicchiere-di-negroni

Ci sono Negroni gassati, Negroni invecchiati in botte e persino Negroni cotti sous-vide

L’ossessione dei Negroni si è diffusa anche in cucina. Andiamo al Varnish, il famoso speakeasy nel centro di Los Angeles, e proviamo ad ordinare un Negroni Jell-O, in gelatina! A Boston, il pasticcere Kate Halowchick prepara una torta di carote al vermouth dolce con arance imbevute di gin e crema di formaggio al Campari a Jm Curley, mentre a Portland, Negroni è uno dei sapori avvincenti offerti dalla mecca del gelato Salt & Straw.

Tutto di un Negroni è perfetto: l’odore di olio d’arancia, la consistenza scivolosa sulla lingua, l’amarezza che persiste quando tutti gli altri sapori svaniscono.
Salute!

Milo Occhipinti

Milo Occhipinti, classe 1986, opera nel settore di ospitalità e ristorazione da tredici anni, iniziando a Verona, poi gestendo la più antica torrefazione artigianale di Venezia ed entrando in A.I.B.E.S.
Successivamente si sposta a Londra dove gestisce progetti importanti come Nt’s, curandone start-up e raggiungimento obiettivi di vendita giá nei primi mesi. Torna in Italia a Milano, dove lavora per grandi nomi come MaG / 1930 e partecipa a competizioni di miscelazione come Nikka Omakase e Disaronno Mixing Star.
Attualmente, oltre a ricoprire ruoli di management per bar e locali, è Relatore per i corsi Barman di Degustibuss International.

Leggi gli altri articoli di Milo Occhipinti >

Guida definitiva al Negroni e le sue varianti ultima modifica: 2019-12-19T11:36:46+00:00 da degustibuss