Meglio un corso pizzaiolo o la gavetta? Parola agli esperti.

Meglio un corso pizzaiolo o la gavetta? Parola agli esperti.

Per chi vuole lavorare subito in pizzeria, i pro e i contro.

corsi pizzaiolo o gavetta

Se pensi che frequentare un corso da pizzaiolo è una perdita di tempo, e che per arrivare subito lavorare in pizzeria è meglio fare una dura gavetta davanti al forno… beh, pro e contro possono essere tanti ma è importante sapere a cosa si va incontro in ogni caso!

Sappiamo che non esiste una bacchetta magica che indica come diventare pizzaiolo in tempi brevi, specie se si ambisce a diventare un pizzaiolo esperto, ma è pur vero che si parte dalle basi del mestiere, che non è solo pratico.

Lavorare come pizzaiolo, pratica e teoria

Per riuscire nell’arte della pizza, è necessario possedere un bagaglio di nozioni teoriche, che andranno poi applicate nella pratica. Come in tutti i mestieri, e oggi ancor di più, iniziare a studiare ingredienti, tempi di cottura, tecniche di impasto e di inforno è il primo passo per capire qualcosa su questo mestiere di pizzaiolo.

E non si tratta di una perdita di tempo, di certo, dato che frequentando un corso pizzaiolo completo, si parte dalla minima teoria per poi lavorare sulla massima pratica.

I “fan” della gavetta, in genere obiettano con il fatto che tante nozioni vengono passate dal maestro pizzaiolo all’allievo durante il lavoro, ma non sempre possono essere complete e, soprattutto, anche studiandole da soli con dei manuali, non si può essere certi di una loro valida applicazione, confrontandosi solo con un ambiente lavorativo e non sempre seguiti in modo costante (i ritmi di una pizzeria non sono certo quelli di un corso pizzaiolo!).

In ogni caso, lavorando in ottime pizzerie di certo si può accedere all’esempio dei maestri dell’arte pizzaiola e apprendere delle nozioni e pratiche fondamentali in vista di un percorso professionale.

Il miglior consiglio è, quindi, quello di fare una gavetta al posto del corso pizzaiolo solo se la pizzeria sia di un alto livello qualitativo a livello di lavoro e di utilizzo degli ingredienti, con un’organizzazione del personale in grado di garantire attenzione e correggere gli eventuali errori in tempo.

Il consiglio ancora più ottimale, è di fare la gavetta dopo un corso da pizzaiolo, dato che senza le basi teoriche si lavorerebbe il doppio, per apprendere con gli occhi e le orecchie mentre si lavora con le mani!

Uno sforzo enorme, che in alcuni casi oltretutto rende ogni nozione parziale, dato che il pizzaiolo che ti segue potrebbe avere delle idee di come impastare o preparare una pizza che possono essere sia segreti del mestiere, che piccoli “errori” che rendono la pizza non del tutto perfetta.

I tempi del corso pizzaiolo e della gavetta

Spesso si pensa che fare la gavetta faccia risparmiare tempo perché i corsi da pizzaiolo sono troppo lunghi e impegnativi.

Questo può essere vero solo quando la formazione sia pensata per mesi e, in confronto alla gavetta in cui già si lavora e si guadagna qualcosa, sembra un tempo troppo dilatato.

In realtà, molti dei corsi per pizzaiolo sono pensati invece con tempi compressi, all’interno di una settimana o 5 giornate di formazione, con un totale di 40 ore di studio e pratica.

Un tempo ragionevole che può essere impiegato per una formazione di base, da cui partire per lavorare come pizzaiolo subito. Anche nel caso in cui si inizi una gavetta da pizzaiolo, dopotutto, non sarà di certo in meno di una settimana o 15 giorni che ci si riesce ad orientare nel mestiere.

Serve pazienza e impegno quotidiano, per acquisire un’esperienza notevole, spesso consigliata anche in luoghi diversi, passando da pizzerie a taglio verso ristoranti o altre realtà, in cui esercitare sempre di più tecnica ma anche fantasia e creatività nell’arte della pizza!

 

Ti invitiamo, alla fine della lettura di questo articolo, a visitare la pagina del nostro

CORSO PIZZAIOLO

a soli € 590,00

attivo su oltre 20 città italiane, riconosciuto a livello internazionale e strutturato su un percorso di 2 livelli.

Il corso con processo formativo realizzato in conformità alla Norma Internazionale UNI EN ISO 9001:2015.

L’importanza della pratica nei corsi

La figura professionale si forma all’interno di ogni corso pizzaiolo con una parte teorica e una pratica, come abbiamo detto, in cui l’aspirante pizzaiolo dovrà imparare ad impastare e manipolare la pizza, condirla e farcirla a dovere, sapendo abbinare gli ingredienti in modo da creare i classici della pizzeria così come pizze innovative e sfiziose.

Le tecniche di cottura della pizza, sono un capitolo importante su cui esercitarsi, sia nella gavetta che nel corso pizzaiolo, e per questo la differenza tra chi già conosce i forni e le loro variabili, si vede rispetto a chi si trova alle prime armi.

Cuocere in un forno a legno, a gas oppure elettrico comporta di certo delle differenze ed è bene prepararsi a dovere per affrontarle.

Di certo, un corso pizzaiolo senza esercitazione pratica non è consigliabile, dato che questa potrà essere invece molto importante per capire come orientarsi in fase di cottura della pizza, per arrivare preparato ai primi colloqui di lavoro.

Se nella parte teorica del corso si parla di impasti e materie prime, si studiano le farine e le farciture, è nella parte pratica del corso pizzaiolo che si può verificare come agiscono fermentazione e lievitazione, il modo di lavorare con le attrezzature da pizzeria adeguate, nel rispetto delle norme di sicurezza degli impianti e del lavoro personale.

Una formazione con la gavetta inclusa: il corso pizzaiolo con stage

Per chi esce da un corso e vuole lavorare subito, iniziando la cosiddetta gavetta, da diversi anni è presente anche la soluzione dei corsi da pizzaiolo con stage.

Studio della teoria, lavoro pratico durante il corso, lavoro quotidiano in un vero locale o ristorante. Ecco i passaggi che il corso pizzaiolo con stage propone, per sciogliere i dubbi di chi vuole iniziare la gavetta subito.

La formazione degli stagisti è di certo vista in modo più accondiscendente rispetto a chi vuole iniziare a lavorare in pizzeria partendo da zero.

Si potrà iniziare ad entrare immediatamente nel lavoro di pizzeria ma con una piccola base teorico-pratica del corso pizzaiolo e, spesso, anche indirizzati dai docenti del corso stesso.

Iniziando la gavetta come aiuto pizzaiolo nella cucina-pizzeria si rischia di non avere il tempo e la concentrazione per apprendere le sfumature di questo mestiere. Tramite un corso pizzaiolo con stage, ovvero iniziale gavetta, sarà forse più semplice affrontare il lavoro di pizzeria ed essere seguiti.

Meglio un corso pizzaiolo o la gavetta? Parola agli esperti.ultima modifica: 2017-07-06T14:32:25+00:00da Cristina